PENSIERI RESISTENTI | Mio nonno Adolfo (di Maurizio Pistolesi)




Un pensiero a tutte le donne e gli uomini che decisero di resistere senza fare atti di eroismo, tutte e tutti coloro che dissentivano dal pensiero e dagli atti della dittatura fascista ma non potevano o non erano capaci di imbracciare le armi e lasciare le loro famiglie per combattere; un pensiero a coloro che, come mio nonno, furono pestati a sangue dalle camice nere per essersi rifiutati di partecipare alle adunate in piazza del sabato fascista. 

La vicenda di mio nonno paterno, Adolfo Pistolesi, è emersa solo una decina di anni fa, raccontata da un vecchio del mio paese Suvereto (LI) allora giovane fascista e manca per questo di molti, troppi dettagli. 
Mio Nonno lavorava come minatore nelle miniere di Campiglia Marittima (LI) e tutte le mattine faceva 20 km all'andata e 20 km al ritorno, in bicicletta, per andare alla miniera. I fascisti di Campiglia M.ma pretendevano che fosse presente in piazza (a Campiglia!) anche il sabato.
Al suo rifiuto, reiterato più volte, le camice nere di Suvereto furono incaricate di dargli una lezione.

Lo aspettarono sulla via del ritorno e lo pestarono a sangue

Mio padre, piccolo, si ricordava solo che il padre era mancato da casa per diversi giorni senza giustificazione, sicuramente per non mettere in difficoltà la moglie e per non farsi vedere malconcio dai figli. Silvano Pistolesi, mio padre, aggiunge queste parole:


Nonno Adolfo non lo ha mai raccontato a noi figlioli, forse con il timore che da grandi fossimo tentati di vendicarci. Era un pochino balbuziente e diceva che la causa era per una paura avuta da piccolo. È probabile che la causa fosse stata il pestaggio fascista

 Maurizio Pistolesi


Commenti

Post popolari in questo blog

CAMMINIAMO INSIEME | Riconoscimento al cuoco/attivista Ciccio Chiarello

CAMMINIAMO INSIEME | Riconoscimento a Donatella Loprieno

Portava i fiori ai partigiani, multata la nostra Presidente